Donne, Innovazione e Impresa

Sostegno alle Imprenditrici della Regione Lazio

Donne, innovazione e impresa: quando questi tre elementi si incontrano, le possibilità sono infinite. Questo nuovo bando si pone l’obiettivo di facilitare tale incontro, offrendo sostegno finanziario all’imprenditoria femminile per promuovere lo sviluppo innovativo e ridurre il divario di genere nel mondo del business.

In un’epoca di crescente riconoscimento dell’importanza del ruolo delle donne nell’economia, un nuovo bando è stato introdotto dalla Regione Lazio per sostenere le attività imprenditoriali femminili. L’obiettivo è chiaro: promuovere lo sviluppo innovativo delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) guidate da donne, attraverso contributi a fondo perduto. Questa misura si inserisce in un contesto più ampio di politiche volte a ridurre il divario di genere nel mondo degli affari, offrendo un supporto concreto alle imprenditrici che ambiscono a innovare e espandere le loro attività.

Dettagli Tecnici del Bando

Il bando si rivolge esclusivamente alle MPMI femminili, definendo come tali diverse forme di imprese, ossia:

  • Lavoratrici autonome donne;
  • Imprese individuali con titolari donne;
  • Società cooperative e di persone dove almeno il 60% dei soci sono donne;
  • Studi associati e società di capitali con una quota di partecipazione femminile non inferiore ai due terzi e con organi di amministrazione composti per almeno due terzi da donne.

Gli interventi ammissibili devono portare all’introduzione di innovazioni nei prodotti o nei processi aziendali. Queste innovazioni devono essere nuove per la PMI ricevente, ma non necessariamente per il mercato, e devono rientrare in una delle nove aree di specializzazione della Smart Specialization Strategy regionale, che includono settori chiave come Scienze della Vita, Green Economy, Aerospazio, e Industrie Creative e Digitali.

Le spese ammissibili comprendono investimenti materiali, spese per soluzioni digitali e una quota fino al 20% per know-how e consulenze. Vi è anche una componente forfettaria del 20% per coprire i costi del personale e spese generali e amministrative. L’importo totale destinato alla misura ammonta a 5 milioni di Euro, con un contributo a fondo perduto che può raggiungere i 145.000 euro per singola PMI, coprendo dal 40% al 60% delle spese ammissibili.

Donne, Innovazione e Impresa: il Futuro

L’importanza di questo bando risiede non solo nel suo impatto economico immediato, ma anche nel suo potenziale di lungo termine per stimolare la crescita e l’innovazione nelle imprese femminili. Facilitando l’accesso al capitale necessario per investire in tecnologie e processi innovativi, il bando si propone di accelerare la trasformazione delle MPMI femminili in attori competitivi nei loro rispettivi mercati. Inoltre, rafforzando il ruolo delle donne nell’economia, si contribuisce alla promozione di una maggiore equità di genere nei vertici imprenditoriali. L’iniziativa ha un duplice valore: socio-culturale ed economico, rappresentando un passo significativo verso un futuro in cui le imprenditrici sono valorizzate e supportate adeguatamente dalle politiche di sostegno economico.

Per partecipare al bando la domanda dovrà essere presentata entro il 12 giugno. La selezione avverrà mediante una procedura valutativa che culminerà con una graduatoria finale.

Per tutte le informazioni e il supporto di un team di esperti visita il nostro sito. 

L’articolo Donne, Innovazione e Impresa proviene da Portale Network GTC.